Transatlantico Augustus, 1926

    L’Augustus fu costruito nel Cantiere Navale Ansaldo di Sestri Ponente per la “Navigazione Generale Italiana”. Impostato il 15 novembre 1925, fu varato il 13 dicembre 1926. Ebbe come madrina del varo Edda Mussolini, figlia del capo del governo italiano Benito Mussolini. All’epoca l’Augustus era la più grande turbonave passeggeri al mondo ed era dotata di propulsione diesel con quattro motori Savoia M.A.N., che sviluppavano 28.000 CV di potenza con velocità raggiunta di 19-20 nodi.

    Nel 1931 la nave venne trasferita alla neo costituita “Italia -Società di Navigazione”.

    Nel 1941, durante la Seconda guerra mondiale, Augustus e Roma vennero requisite dalla Regia Marina Italiana per essere trasformate in portaerei. L'Augustus fu ribattezzata prima Falco e poi Sparviero, ma, a causa delle sempre maggiori difficoltà belliche, non fu possibile portare a termine i lavori: all’armistizio erano ancora appena all'inizio. Lo scafo venne requisito dai tedeschi.

    Nel settembre del 1944 i tedeschi in ritirata, per impedire agli alleati l'utilizzo del porto di Genova, rimorchiarono la nave all'imboccatura del porto affondandola.

    Nel 1946, a guerra terminata, l'unità fu recuperata e successivamente venduta per demolizione.

    Contatti

    Fondazione Ansaldo
    Corso F.M. Perrone 118 - 16152 Genova

    Tel. 010/8594125 - 8594126

    Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

     

     

     

    by nc nd.eu 300x105

    Copyright 2021 Fondazione Ansaldo